martedì, agosto 03, 2010

regge il fortino - Katenaccio-Proforma 5-3

Il Katenaccio recupera subito lo scivolone e porta a casa una vittora bellissima e meritata contro Proforma. Lo schema Gettone-fantasia della formazione capitanata da Sasso si scioglie dopo pochi minuti, il ritorno in campo del Puma elimina infatti lo spazio di cui il talento di Poggiofranco aveva goduto nella scorsa partita.

La difesa è sugli scudi. Andrea Santarella subisce un gol, peraltro meraviglioso, solo a tempo scaduto (i primi 2 gol di Proforma sono frutto dell'assenza del portiere titolare, giunto in ritardo). Dario gioca la partita della vita, Duni non scherza. Lì davanti Fanelli si mangia l'impossibile ma è anche capace di segnare i gol decisivi.

Il livello della partita è cresciuto di molto, l'entusiasmo anche. Giovedì si potrebbe già replicare.

Andrea 7: arriva tardi ma quando arriva è una garanzia. I pettirossi potevano chiudere su un drammatico 5 a 0 a favore se non ci fosse stato il capolavoro di Sasso, ultimo ad arrendersi, a tempo oramai scaduto. Determinante in un paio di occasioni quando resta in piedi nonostante le numerose finte di Mezzapesa e non si fa fottere. Come non si fa fottere in occasione di rimpalli e palle inattive.

Antu 6: il più timido della baracca, ma comunque capace di incidere nel successo finale con un gol fortunoso quanto liberatorio, capace di smuoverci dal passivo iniziale e guidarci verso il successo. Dalla sua fascia però arrivano entrambi i gol iniziali e in generale sembra patire una posizione che, ad onor del vero, non è mai stata sua. Lui che è numero 10 del Rosafante fa quello che può da terzino destro. Grazie per lo sbattimento.

Dario 8: immenso. Non sbaglia niente, gioca sempre a testa alta, annulla Pippo Mezzapesa che dopo pochi minuti si innervosisce e non combina più nulla. Riesce anche a proporsi in avanti, a fare il mediano in aggiunta e ad annullare Gettone. Forte di testa, col corpo, in anticipo e in attesa. Una partita semplicemente perfetta. Potrei continuare a scrivere aggettivi per i prossimi due o tre giorni, ma fra 24 ore si scende di nuovo in campo.

Duni 7: entusiasta della sua prestazione, tra le migliori degli ultimi tempi. Finalmente sviluppa in modo compiuto entrambe le fasi di gioco. Difende in modo impeccabile (due sue ripartenze scaturiscono altrettanti gol di Fafà), è preciso anche nelle rare diagonali a cui viene chiamato, ed è dominante anche in fase offensiva, presentandosi (spesso distrutto) a tu per tu con il portiere, che in un paio di occasioni deve però fare i miracoli per impedirgli il secondo gol in due partite. Si metterebbe anche mezzo voto in più, ma il ruolo di pagellante gli impone sobrietà.

Puma 6,5: non può essere certamente un caso che la sua presenza, anche poco evidente e apparentemente poco impattante come nella partita di lunedì, risulti capace di invertire il risultato e l'inerzia della partita. La sua presenza asciuga tutte le velleità offensive di Proforma, che pensavano di poter ripetere lo schema "palla a Gettone e se la vede lui". Non riesce a risultare devastante, ma c'è e si sente tantissimo.

PJ 7: si fa un mazzo tanto. E con uno con i suoi piedi e la sua tecnica individuale, non è assolutamente obbligatorio aspettarsi una prova di così grande sacrificio. Obbligato dal nostro schema a fare l'ala sia destra che sinistra, svaria nel fronte del gioco andando ad inserirsi negli spazi liberati da Fanelli e dagli incursori difensivi. Un'ulteriore nota di merito è nel suo modo di giocare le palle inattive, in particolare i calci d'angolo, da cui nascono sempre situazioni pericolose.

FaFà 7: decisivo, nel bene e nel male. Nel male, soprattutto nella prima mezzora di gioco. Si mangia l'impossibile, in particolare di testa. Anche col sinistro, suo piede preferito (unico?) è un po' smircio, un po' bloccato dallo strepitoso portiere avversario. Nella seconda parte di gara, però, non appena gli avversari mollano un po' la presa, torna l'attaccante devastante di sempre e segna, ma soprattutto si dimostra completo liberando autentiche praterie per i nostri contropiede. Un giocatore con caratteristiche ideali per il Katenaccio.

Gol
Fatti: Fafà 4, Antu 1.
Subiti: Lele 2, Andrea 1.

4 commenti:

Julian Ross ha detto...

stupenda partita, stupende pagelle, ancora + del solito :)

Darayavaush ha detto...

troppo buono Dino, ma grazie, mi fai quasi dimenticare di essere nella fase decisamente calante della mia carriera.

Chilavert ha detto...

siete una manica di gay, ma assai proprio

Antunello84 ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.