mercoledì, aprile 30, 2008

lukano batte resto del mondo 14 a 2

Questo titolo sarà un po' una goliardata, ma riesce a raccontare in modo efficace ciò che è successo all'Olimpic Center.
I Rosafanti sono in 7 e questo condiziona in modo inevitabile l'esito della partita. I pettirossi sfruttano al meglio la superiorità numerica e impressionano nella costruzione del gioco, fluido ma sopratutto capace di offrire più soluzioni: i fratelli de Santis hanno i loro meriti nell'allargamento del fronte offensivo.
La sensazione è che il Katenaccio avrebbe dominato anche se gli avversari fossero stati al completo.
Sull' impietoso risultato di 8 a 0 il Lucano cambia squadra per riequilibrare le sorti dell'incontro. E in effetti il Rosafante trae enorme giovamento da questo inserimento, forse ancora più della superiorità numerica. Una forza della natura, che schianta anche il navigato Mimì. Dove c'è Lucano fioccano i gol. Il Katenaccio, comunque sia, vince di 4.

Giangi 6,5: dorme per una quarantina di minuti abbondanti, poi è costretto a mettersi al lavoro. Alterna interventi superlativi a qualche problema nelle parate basse, specie quando ha il Lucano di fronte, uno che 100 ne pensa e ne fa una buona cinquantina. In ogni caso, un portiere come lui ci farebbe comodo, molto comodo.

Dario 7: decisamente un'altra musica rispetto al torneo di Storie. La difesa sta ancora disimpegnando e lui ha già chiamato il passaggio sull'ala destra. Quando ritorna mette il fisico in un sacco di situazioni. Lancia in continuazione ed insegue lanci. Capacità atletiche invidiabili oltre che una buona tecnica individuale. Ci mancherai.

Mimì 6: vive comodamente gli scontri diretti quando i pettirossi sono in superiorità numerica e quando invece è costretto a mettersi al lavoro sembra prenderla alla leggera. Ogni tanto l'azzecca, e lo fa alla grande con alcuni dribbling sensazionali; in altri casi viene letteralmente travolto dall'ondata rosa/lucana e da suoi disimpegni non impeccabili scaturiscono i gol avversari. Salvato dalla campanella.

Duni 6,5: partita molto regolare, come sempre condizionata da questo piede che non ne vuol sapere di passare. Molto meglio in fase offensiva (dai suoi piedi partono un sacco di iniziative) che in difesa, dove si limita a vivacchiare. Segnali promettenti dal punto di vista della condizione atletica. Ora però legatemi alla sedia finchè il piede non si sgonfia definitivamente.

ReAle 6,5: visibilmente provato dalle fatiche polacche ci mette un po' per entrare in partita, anche perchè vuole divertirsi e prova soluzioni al limite dell'impossibile. Poi inizia a macinare metri di gioco, attacca la profondità, non disdegna il tiro e partecipa a moltissime azioni. Il tempo che si riabitui alle più morigerate fatiche italiane (anche se lui è troppo bello per non stancarsi) e probabilmente riuscirà a dare il massimo per tutta una partita.

Puma 6,5: si prende una mezza vacanza dal suo ruolo di recuperapalloni ed è un peccato perchè quando si applica è semplicemente clinico. Si dedica all'impostazione con risultati particolarmente interessanti. Avere un fronte del gioco così aperto non può che rappresentare un enorme vantaggio per lui. Poteva segnare 4 o 5 gol, ma non si può avere tutto dalla vita.

Soda 7,5: se si potesse firmare per partite uguali a queste, io firmerei subito. Spicca per intelligenza tattica: gioca come regista avanzato più che come punta, detta il passaggio, gioca con la squadra, cerca sempre azioni corali, non disdegna qualche dribbling. Una partita splendida, di grande sacrificio e allo stesso tempo furbizia. Bravissimo.

Lucano 9: quando porta gol in ogni posto dove lui gioca, non si può pensare che sia un caso. Trasforma il Rosafante semplicemente mettendosi a correre, credendoci più di tutti gli altri. I suoi gol non sono particolarmente complessi, ma sono oggetto della sua oramai paradigmatica testardaggine. Schianta Mimì al suolo. E anche quando giocava da noi, non era poi così tanto da buttar via...

10 commenti:

Mimì ha detto...

cmq si....ieri volevo solo divertirmi, sò di non essermi impegnato

Michele ha detto...

Dino hai violato i sacri dettami gazzettistici mettendo voti alti in una partita senza storia con avversari in 7. Il Dio Gazzetta imporrebbe un 6 politico a tutti...

Doonie ha detto...

Ma se mi son piaciuti assai Soda e Lucano, è giusto coccolarli...

Padula ha detto...

Confermiamo per mercoledì 7 maggio. Ciao ragazzi
REAL DONIA CALCIO

Doonie ha detto...

cerchiamo di giocarla presto, se la giochiamo il 7?

(io comunque non rientro più finchè non si sgonfia il piede, lo so che l'ho già detto, ma adesso devo impegnarmi a resistere alle tentazioni e starmi fermo)

Michele ha detto...

Comunque se si trattava di coccolare il Soda, allora mi va bene...

Giangi ha detto...

peccato per l'inferiorità numerica,sarebbe uscita una bella partita.Ragazzi cmq anche se ieri mimì nn è stato perfetto,vorrei sempre avere un difensore come lui davanti :)
sul lukano nn ci sono parole,è un ciclone :D

Soda ha detto...

Chiamatemi SODACEVIC...^__^

Vostro,

Soda

Michele ha detto...

Meglio Darko Sodac, in onore di Darko Pancev, campione che ha lasciato un solco indelebile nella memoria degli interisti...

Julian Ross ha detto...

io l'ho sempre detto che sei Sodasson...
una punta di peso, ma che fa girare la palla...come faceva Jon Dal...