giovedì, novembre 22, 2007

katenaccio, (un) punto e a capo

Prima del torneo di Storie, e rivediamo il solito Katenaccio. Non quello del finale della scorsa stagione, che una partita del genere l'avrebbe persa 4 a 0. I pettirossi portano a casa un pareggio certamente non rubato, ma che può stare ragionevolmente stretto agli avversari.
1 a 1 tra Katenaccio e Master Group. Tutto nella ripresa: al Lucano risponde il centravanti avversario, davvero bravo per tutta la gara e protagonista di un gol da cineteca in quei 10 centimetri che un Mimì di livello assoluto gli concede. Partita fantastica della difesa, che però non riesce a dare la giusta propulsione. I reparti sono così abbastanza sfilacciati e la squadra soffre un pò in fase di manovra corale. Da rivedere quindi la circolazione di palla e probabilmente gli attaccanti devono giocare meno puntando la porta e più aspettando gli altri, in modo tale che la squadra salga.

Federico 7,5: partita superba del nostro portiere, che si esalta in un paio di interventi tra loro molto simili. Mischia in area, tiro da fuori e palla che rimbalza li lì vicino al palo, e lui felinamente scansa ogni minaccia. Grande sicurezza, quella per cui ci piace tantissimo. Costretto a lanciar lungo a causa del grande pressing avversario, non ha troppa fortuna nei rilanci, ma la prestazione è assolutamente eccellente.

Max 6,5: buona partita del lungagnone, che amministra senza particolari difficoltà la sua fascia di competenza e cerca ogni tanto la sortita individuale senza però mai riuscire a liberare compiutamente il suo destro assassino. Prestazione leggermente inferiore ai compagni di reparto solo perchè ogni tanto sembra addormentarsi e perdersi i movimenti sulla sua fascia di competenza, vedi palle inattive battute sotto gli occhi. Ma comunque sia, ci voleva l'eurogol per scardinarci.

Mimì 8: quando è così, c'è poco da fare. Te ne accorgi subito (anche se lui negli spogliatoi dirà che i primi venti minuti non c'era..pagherei per non esserci così come non c'era lui). Comincia ad anticipare chiunque, è 3 metri davanti all'avversario, mentre la palla viene lanciata lui già vola, addirittura lo vedi nella metà campo offensiva a impostare. Una prestazione superba, sia in assoluto, sia perchè sono influssi positivi in termini di sicurezza sui compagni.

Duni 7: quando nel secondo tempo, in due contro tre, indovina perfettamente la diagonale e disimpegna con un tacco volante a favore del Lucano, capisce che la giornata è una di quelle giuste. Non butta un pallone, non corre rischi, anche quando viene puntato e lascia un pò di spazio, poi impedisce la giocata facile agli avversari. Gli manca quasi completamente la fase offensiva, ma ieri per lui era più importante difendere. Grande personalità, si può dare ancora di più.

Puma 7: il discorso non è troppo diverso dal precedente. Bravissimo nel contenimento, e anche sulla fascia non risparmia il detto "cercherò di prendere la palla e la gamba". In attacco non riesce a fare un granchè, anche perchè gli attaccanti non lo aspettano. Con Riccardo al suo fianco le cose sembrano avere un maggior senso. Io comunque sia continuo a preferire questa versione del capitano rispetto a quella creativa-sbarazzina-corroacazzo.

Riccardo 6,5: mentre il Milan cerca invano da anni (e mai ci riuscirà) di trovare il suo vice-Pirlo, il Katenaccio ha trovato un vice-Puma compiuto. Un bel centrocampista difensivo, all'esordio assoluto su un palcoscenico nient'affatto semplice. Nella prima frazione appare un pò bloccato e forse fin troppo in avanti, nella ripresa prende gusto sempre più a correre, recuperar palla e impostare e se la partita durasse due ore probabilmente si scioglierebbe ancora di più. Per essere un esordio, i nostri complimenti.

Lucano 6,5: sembra soffrire la minore quantità di spazi di cui può godere su un 7 e 7 e contro difese che non tolgono la gamba quando lui trotterella con il suo solito incedere. Prende un sacco di calci, molti regolari secondo l'arbitro. Non viene servito adeguatamente e di contralto quando ha il pallone lo cede davvero poco, sopratutto alle ali. Eppure dal cilindro tira fuori l'unico gol pettirosso e così la sufficienza piena è + che legittima.

Marco 5: prestazione abbastanza inspiegabile. Sembra quasi meglio quando contiene che quando punge, eppure sul 7 vs 7 da centravanti ha sempre dato spettacolo. Ma ieri non gli riesce nulla. Non vede la porta, spesso punta l'avversario allargandosi troppo per poter poi servire i compagni o tirare in modo normale. Rimane nei nostri occhi il gravissimo errore nel finale, quando nel contropiede perfetto (tre contro uno) riesce ad andare a scontrarsi proprio contro l'ultimo baluardo rimasto. Con un Marco normale ieri saremmo andati passeggiando.

5 commenti:

LuKaNo ha detto...

voti troppo alti alla difesa che avrà preso un solo gol ma cmq non è riuscita a impostare nessun'azione palla al piede gettando via così ogni buona opportunità di servire l'altra metà della squadra totalmente abbandonata al suo destino in avanti. a parte il portiere e mimì non credo che nessuno abbia meritato + di 6. va bene il catenaccio ma la palla si deve giocare e i giocatori devono avere + fiducia tra loro così da riuscire a trovare la porta con facilità +ttosto che con tiri impossibili che non sempre possono riuscirci (vedi il gol che ho fatto).

Puma ha detto...

è già polemica in casa Katenaccio...

:-D

Doonie ha detto...

antò, noi siamo riusciti a partire dalla difesa il 10% delle volte che partivamo dal fondo. Se fede rilanciava è perchè c'era troppa gente nella nostra metà campo :)

cmq noi come difensori non potevamo fare di più, in impostazione possiamo migliorare tutti!

Soda ha detto...

Polemiche senza Soda? Impossibile...Anche se noto che è stata la punta centrale ad aprire la querelle: che ci sia una sindrome katenacciara che colpisce chi copre quel ruolo? :DDDDDDD
Scherzo scherzo ;)
Mi manca il certificato medico, le foto son pronte e poi sarò tutto vostro.
FORZA KATENACCIO!!!

Soda

p.s. Ma quelli del Master Group son gli stessi o han cambiato qualche giocatore?

Puma ha detto...

Sono cambiati, in particolare hanno comprato un centravanti proprio forte.